Tra un uomo e una donna giovani, che vogliono violentare la natura amandosi di amicizia, non può esistere che un affetto monco, artificiale, violento, spesso ridicolo, perché non conduce che ad un amore già nudo d’ogni illusione e d’ogni attrattiva. L’amicizia ci ha già fatto vedere tutta l’indiscretezza della sua intimità, ci ha già spogliato d’ogni velo; non si può più essere né amici veri, né amanti veri; ed è così che la natura si vendica spesso dell’oltraggio che ha ricevuto.

Annunci